Anteprima della partita

Leggi piú anteprime delle partite

L'articolo sportivo non é disponibile

Coppa delle Nazioni Africane

Coppa delle Nazioni Africane live streaming

Quando in Africa si gioca la prestigiosa Coppa delle Nazioni, tramite i nostri servizi puoi accedere allo streaming dal vivo. Queste partite vengono trasmesse in televisione molto raramente, ma per fortuna noi forniamo un servizio di live streaming. Benché il torneo non sia poi così popolare in Italia, esso garantisce sempre un’esaltante fase finale in cui viene giocato dell’ottimo calcio. Tra le 16 finaliste troviamo sempre stelle del calibro mondiale, come nell’edizione 2017 che ha visto partecipare tra gli altri Riyad Mahrez e Pierre-Emerick- Aubameyang, i quali hanno provato a far vincere il titolo rispettivamente all’Algeria e al paese ospitante Gabon.

La Coppa d’Africa unisce il continente

L’Africa è un continente diviso, caratterizzato da disordini e controversie, ma ci sono poche cose capaci di unire le persone come il calcio. Quando a gennaio inizia la Coppa d’Africa, tutto il continente si ferma a guardare. A differenza delle altre competizioni continentali, che vengono giocate approfittando della pausa dei grandi campionati, la Coppa delle Nazioni Africane si gioca sempre d’inverno, costringendo i club a perdere per circa un mese i loro giocatori africani, che tornano nel continente d’origine per tenere alto l’onore della loro nazione. C’è stata una grande sorpresa quando nel 2012 lo Zambia si è aggiudicato la finale contro la Costa d’Avorio ai rigori. Il miglior calciatore e capocannoniere del torneo, Chris Katongo, che in quel momento militava nella Superliga danese, ha segnato diversi gol essenziali per lo Zambia. La vittoria ha causato una vera e propria festa nazionale nello Zambia, dove al ritorno i calciatori sono stati accolti dai tifosi festanti giunti da tutto il paese.

Garanzia di grandi stelle

Tradizionalmente grandi profili calcistici prendono parte alla Coppa d’Africa. Gli anni Duemila saranno ricordati per Didier Drogba e Samuel Eto’o, talismani rispettivamente di Costa d’Avorio e Camerun, ma le due stelle non giocano più con le loro nazionali. Tra l’altro la Costa d’Avorio ha vantato giocatori del calibro di Yaya Toure, Kolo Toure e Salomon Kalou ed è stata a lungo la migliore formazione africana, anche se ora ha sicuramente più competizione. Tuttavia, gli ivoriani hanno ancora giocatori fantastici come Serge Aurier e Eric Bailly. Attualmente le stelle sono sparse uniformemente in nazioni più piccole. Riyad Mahrez è salito alla ribalta mondiale quando assieme al suo club Leicester ha conquistato la Premier League nel 2016; egli è inoltre la grande stella dell’Algeria. Mentre il Gabon può vantare tra le sue fila il velocissimo attaccante Pierre-Emerick Aubameyang, anche il Senegal è ben rappresentato nei grandi campionati con ad esempio Sadio Mané del Liverpool, Kalidou Koulibaly del Napoli e Moussa Sow del Fenerbahce.

La dominazione egiziana

In generale, durante i 60 anni di storia del torneo ad avere la meglio sono sempre state le squadre dell’Africa Settentrionale e Occidentale. L’Egitto vinse la prima edizione nel 1957 disputata in Sudan, e vanta più titoli di qualsiasi altra squadra nel torneo. Gli egiziani hanno alzato il trofeo sette volte, seguiti dal Ghana e dal Camerun che lo hanno vinto rispettivamente quattro volte. A seguire troviamo poi la Nigeria con tre vittorie e la Costa d’Avorio con due. L’ultima volta che l’Egitto ha trionfato è stata nell’edizione del 2010, tenutasi in Angola. Hanno incontrato in finale il Ghana, e la partita ha vantato diversi giocatori famosi. Giocavano per il Ghana Andre Ayew, Asamoah Gyan e Kwadwo Asamoah, mentre per l’Egitto era in campo la stella della Superliga Mohamed Zidan. Dopo un noioso primo tempo senza gol, è stato Gedo a mettere il sigillo segnando l’1-0 poco prima della fine del tempo regolamentare.

Torneo caratterizzato da disordini

Storicamente la Coppa d’Africa ha avuto molti problemi che hanno danneggiato il torneo. Nel 2010 il pullman della nazionale del Togo è stato preso d’assalto all’arrivo nella provincia di Cabinda, nel nord dell’Angola. Un gruppo terroristico che lottava per l’indipendenza della provincia ha assalito il mezzo con una sparatoria, che è costata la vita al conducente dell’autobus, al vice-allenatore e ad un addetto stampa. Diversi giocatori risultarono feriti, e il Togo si ritirò dal torneo il giorno successivo. Spesso si sono riscontrati problemi anche con le nazioni ospitanti. Nel 2015 il torneo avrebbe dovuto svolgersi in Marocco, tuttavia a causa dell’epidemia di Ebola che stava devastando la nazione, si provò a rimandarlo. La Confederazione Africana del Calcio respinse il rinvio e spostò la competizione in Guinea Equatoriale. Cosa simile è accaduta nell'edizione del 2017, originariamente prevista in Libia. Dal maggio 2014 lo stato nordafricano è stato colpito da una guerra civile, e la Confederazione Africana del Calcio non ha ritenuto la Libia capace di garantire una sicurezza per lo svolgimento del torneo, che si è quindi spostato in Gabon. La Guinea Equatoriale e il Gabon avevano ospitato il torneo nel 2012 e nel 2015 e quindi disponevano già delle infrastrutture necessarie per ospitare la competizione.

Giovani promesse del futuro

Gli ultimi anni hanno visto lo sviluppo di alcuni talenti in molti paesi africani e assistiamo a delle promesse del calcio in arrivo. Il Senegal ha dato i natali al veloce e tecnicamente eccelso Balde Keita, che attualmente milita nelle file del Monaco. Prima dell’esperienza francese, Keita è cresciuto con il settore giovanile del Barcellona, per poi approdare in Serie A e farsi le ossa con la Lazio. In Costa d’Avorio ci sono molte aspettative per Frank Kessie, centrocampista del Milan. Ha debuttato con la sua nazionale all'età di 17 anni e si prevede che diventerà un leader degli ivoriani. In Egitto troviamo Ramadan Sobhi, che lo Stoke ha pagato da appena adolescente $ 50 milioni. Ha collezionato sette partite in Premier League e un gol, ma probabilmente dovrà essere mandato in prestito affinché possiamo ammirare le sue abilità. Gioca comunque già con la squadra nazionale egiziana e bisogna tenerlo d'occhio. I ghanesi hanno da sempre giocatori entusiasmanti, va in particolar modo menzionato il promettente Abdul Baba Rahman. Egli ha mostrato le sue qualità con l’Ausburg, dopodiché si è trasferito al Chelsea dove però non ha visto molto il campo. Tuttavia il giocatore è notevole e le sue scorribande sull’ala sinistra vanno tenute d’occhio.

Come guardare la Coppa delle Nazioni Africane dal vivo in streaming

Sfortunatamente la Coppa d’Africa non viene mostrata in televisione, ma tu hai la possibilità di assistere all’intero torneo in streaming. Il nostro partner bet365, i migliori bookmaker in circolazione, ha acquistato i diritti di tutte le partite. Ti consigliamo quindi di creare un account, così da poter assistere a tutte le partite in streaming. In questo modo otterrai lo streaming nella qualità migliore disponibile, e potrai guardare le partite della Coppa d’Africa sia che tu sieda sull’autobus o sul divano di casa.

AVVISO IMPORTANTE: Calciostreaming.com insieme a bet365 mostra oltre 100.000 eventi in diretta streaming ogni anno. Tieni presente che i diritti IP per lo streaming di questi eventi sono di proprietà a livello di stato e pertanto, causa di tali restrizioni, alcuni eventi potrebbero non essere visualizzati. Prima di registrarti su bet365 per vedere un particolare evento, ti consigliamo di chiedere prima a bet365 se è possibile visualizzare quell'evento dallo stato in cui ti trovi. Per trovare le informazioni per contattare bet365, clicca su qui, vai su Servizi nell'angolo in alto a destra e seleziona Contattaci.